EGITTO

Terra di contrasti, colori e di una luna al rovescio.

Nell’inverno 2015 partimmo nuovamente, questa volta con Diego.

L’Egitto ci ha sempre insegnato molto.

Ricordi che iniziano otto anni fa quando ricevetti una telefonata in cui mi si chiedeva se volevo accettare un lavoro in Egitto: “Mar Rosso: Marsa Alam”.

Accettai.

Quando partii non sapevo che cosa l’Egitto mi avrebbe lasciato. L’Egitto lascia il segno. Si parte con delle idee. Piano piano queste vengono abbattute. Ciò che è una convinzione diventa un semplice punto di vista.

Otto mesi passati in questa terra, sempre più a sud verso i confini più lontani: Wadi Gimal, Berenice, Shalatiin.

Tappe che scandirono il tempo.

Un tragitto che attraversò i caldi colori del deserto monocromatici e i colori freddi ma vivi della superficie del mare. Ed è quando mi tuffai nelle acque cristalline che scoprii un Mondo in un Mondo. Ogni angolo dai volti mutevoli, dai colori splendenti, che stupiscono.

E poi una notte guardai il cielo con gli stessi occhi di sempre. Un cielo terso, dalle mille stelle e dalla Luna…una Luna speciale…una Luna al rovescio.

Articoli

Come spostarsi a Sharm el-Sheikh

Bibite dissetanti sotto al caldo sole d’Egitto

Snorkeling: 5 posti da non perdere a Marsa Alam