a piedi, bambini, geoturismo

Liguria, Riviera delle Palme (SV): 4 attività in famiglia alla scoperta della natura e del territorio.

Liguria, una terra fra il mare e la montagna, una terra in cui l’uomo ha dovuto adattarsi e adattare i suoi strumenti per viverci. Un territorio ricco ma, al tempo stesso, aspro e difficile.

Nonostante tutto l’ uomo, in quella che oggi è la Liguria, ci è passato già una decina di migliaia di anni fa. È’ nel Paleolitico che si rifugiava all’interno delle grotte, dimore naturali, in cui anche l’orso si godeva il letargo invernale.

Insieme ai bambini possiamo ripercorrere la storia della regione e scoprirne alcuni aspetti naturalistici e geologici.

Le grotte di Toirano.
Salendo in macchina la Val Varatella, oltrepassato il borgo di Toirano, si arriva al complesso carsico aperto, in parte, al pubblico. Il percorso si sviluppa tra la Grotta della Bàsura (della strega) e la grotta di Santa Lucia per 1300 m percorribili in circa un’ora e mezza.

image

Le maestose concrezioni, da un’importante valenza scientifica, stalattiti, stalagmiti, laghetti carsici, grandi sale e pozzi, sanno stupire gli adulti e i piccini. In queste cavità naturali sono ancora presenti i resti dell’Ursus spelaeus, una specie ormai estinta, e le tracce del passaggio degli uomini, una famigliola con un bambino.

Molto sunggestivo è il Santuario di Santa Lucia, incastonato fra i contrafforti calcarei all’uscita dell’omonima grotta.

image

Le grotte di Borgio Verezzi.

Accessibili direttamente dall’abitato di Borgio, le grotte si sviluppano per circa 800 m all’interno della roccia. L’acqua ha lavorato nei millenni per creare e scolpire forme di ogni tipo e colore. La fantasia dei bambini potrà volare immaginando storie fantastiche tra drappi di calcare che scendono dalle volte, grandi conchiglie modellate dallo stillicidio continuo che ancora oggi permette alle concrezioni di crescere. Tra laghetti e giochi di luce, le grotte vengono usate in particolari periodi dell’anno in occasione di concerti.

Il rifugio di Pian delle Bosse.
Gli abitati di questa parte di riviera ligure sono dominati dal Monte Carmo (1389 m) che offre la possibilità agli amanti dell’outdoor di praticare diversi tipi di attività come il trekking, l’arrampicata e la MTB.
Il rifugio sorge a 841 m sul livello del mare. Salendo in auto da Loano, superata la frazione Verzi, si percorrono ancora 5 km di una strada sterrata molto panoramica. Dal parcheggio bisogna seguire le indicazioni per il rifugio, segnalato con due quadratini rossi. Un sentiero di facile percorrenza tra faggi e castagni, con alcuni tratti in salita, conduce a Pian delle Bosse in circa 30 minuti. Una passeggiata adatta a tutte le gambette e piedini! Il prato antistante al rifugio permette di organizzare un piacevole picnic vista mare spettacolare!

image

image

Finalborgo e la salita a Perti.
Da Finale ligure si raggiunge in auto il nucleo medievale di Finalborgo, a qualche chilometro nell’entroterra.
Lasciata l’auto nei comodi parcheggi fuori dalle mura, a piedi si percorrono i vicoli seguendo le indicazioni per il “Castello”. Una stradina ciottolosa accompagna fuori dall’abitato. La prima tappa è proprio il castello di San Giovanni, risalente al XVII secolo, da dove, grazie a un belvedere, si può godere della vista sui tetti del centro storico e sul mare antistante a Finale.
Proseguendo, la stradina si trasforma lentamente in un sentiero che attraversa le campagne terrazzate secondo la tradizione ligure e le coltivazioni di ulivi. Si arriva così a Perti, un piccolo borgo dominato dalla chiesa di San Sebastiano del 1489, presentante ancora il suo stato originario.

image
Se i bimbi non sono stanchi, prima di iniziare la discesa di ritorno, poco più avanti si trova la Chiesa dei Cinque Campanili (1489-93) per riposare in un praticello all’ombra di alcuni grandi alberi.

image
Durante tutto il percorso aguzzate bene la vista: la lucertola ocellata ama rilassarsi sui muretti a prendere il sole! Tipica di alcune aree delle coste del Mediterraneo, questa lucertola è facilmente riconoscibile per le sue ragguardevoli dimensioni e una colorazione verde vivace con ocelli scuri ( blu, neri o verdi).

image

Un pensiero riguardo “Liguria, Riviera delle Palme (SV): 4 attività in famiglia alla scoperta della natura e del territorio.”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...